Giovedì 29 Giugno 2017
Sabato, 29 Giugno 2013 11:42

Vetrina. "Joyland"

Scritto da 
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
Vota questo articolo
(0 Voti)

Gli anni passano anche per Stephen King, incontrastato master of horror contemporaneo, e Joyland sembra stare lì a volercelo dire. 

Dalla spiaggia di Joyland spira un vento nostalgico. Gli anni passano anche per Stephen King, incontrastato master of horror contemporaneo, e la sua ultima fatica letteraria sembra stare lì a volercelo dire.

Non è trascorso molto tempo dall’uscita del romanzo “fantastorico” 22/11/63, e già siamo di nuovo catapultati indietro, sul finire della primavera sessantottina e a cavallo dell’onda beat, alle porte di un decennio solcato da paure e stravolgimenti. È il 1973, un anno decisivo anche e soprattutto nella vita di Devin Jones, l’io che narra il passato - il suo passato - vissuto fra le attrazioni di  Joyland. Orfano di madre e con un taglio fresco - il primo e il più profondo - al cuore, Jones ha un’esistenza da portare avanti, a cominciare dagli studi che non riesce a pagarsi; così decide di farsi assumere in un parco divertimenti del North Carolina. Qui, fra prove iniziatiche di resistenza, inaccessibili codici linguistici in slang e veri e propri fenomeni da baraccone, viene a conoscenza di un terribile episodio che ha segnato indelebilmente la storia del parco: l’omicidio di Linda Gray, giovanissima visitatrice trovata morta nel tunnel dell’orrore, il cui caso non è mai stato risolto e il cui fantasma sembra che ancora vaghi tra gli scheletri di cartapesta del castello.

Spinto dalla voglia di indagare sul mistero, a sua volta motivata da un ossessivo desiderio di combattere quel tempo che su tutto passa rapido fuorché sulle ferite, Jones prolunga la sua permanenza a Joyland, rimanendo invischiato in una trama più complessa di quanto potesse immaginare, ma dalla facile - per quanto dolorosa - soluzione.

Non è la prima volta che King si diletta nella scrittura di una ‘storia di transizione’, nel racconto di una crisi: già ne Il miglio verde, poi in Cuori in Atlantide e infine in Duma Key, i suoi protagonisti hanno sempre avuto modo di ispirare riflessioni - il più delle volte struggenti - sull’ironia crudele della vita, sulla maniera tremenda e silenziosa con cui essa sancisce i distacchi e gli addii, sui perché di certi incontri che vengono svelati solo poi. Ma l’intensità dei libri precedenti viene qui sacrificata a una maturità amarissima, resa concreta da un piglio narrativo pacato, lineare e sintetico, che utilizza l’espediente del “whodunit” (il giallo deduttivo) come tramite (e  pretesto) per svolgere un racconto soltanto all’apparenza secondario: una storia di umana e anziana rassegnazione di fronte a ciò che l’esistenza sceglie al posto nostro. E tutto passa come un gioco, veloce e scorrevole come un giro di giostra, ma da cui si esce, certamente, più commossi che sorridenti, frastornati e, forse, anche con un vago senso d’incompletezza. 

Informazioni aggiuntive

  • Titolo: Joyland
  • Autore/i: Stephen King
  • Genere: Thriller
  • Editore: Sperling & Kupfer
  • Prezzo: € 19,90
  • Pubblicazione: Giugno 2013
  • Pagine: 351
  • ISBN: 978-8820054274
  • Collana: Pandora
  • Altro: Traduzione di G. Arduino
Letto 1230 volte Ultima modifica il Sabato, 06 Luglio 2013 11:19
Devi effettuare il login per inviare commenti

Editoriale Libri

Prossimi Eventi

Giugno 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30