Venerdì 28 Aprile 2017
Mercoledì, 08 Marzo 2017 13:51

In Sala. La legge della notte

Scritto da 
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dal romanzo di Dennis Lehane, la storia di un criminale in bilico tra bene e male scritta e diretta da Ben Affleck.

È possibile che Ben Affleck, alla sua quarta regia per un lungometraggio, puntasse a qualche candidatura all’Oscar con il suo La legge della notte, adattamento del romanzo omonimo di Dennis Lehane del 2012. Con Leonardo DiCaprio tra i produttori, e un cast tecnico e artistico di tutto rispetto, probabilmente il regista/sceneggiatore/attore si aspettava qualche riconoscimento importante per questo film che porta in tutto e per tutto la sua firma.

Di nuovo crimine e uomini a metà tra bene e male in una storia ambientata durante il proibizionismo americano degli anni ’20: da fuorilegge figlio del capo della polizia (Brendan Gleeson), Joe Coughlin (Affleck) si muove nel mondo dei gangster di Boston, in lotta per il controllo del contrabbando di rum. Dopo essere stato tradito dalla sua amante (Sienna Miller, già donna di uno dei boss criminali), Joe finisce in Florida a gestire il traffico di alcolici. Qui trova prosperità e di nuovo amore (con Zoe Saldana), ma si scontra con una società fortemente razzista e bigotta di cui la giovane predicatrice Loretta Figgins (Elle Fanning) è portavoce.

Ci sarebbe ancora dell’altro, tra il KKK, il gioco d’azzardo, e il tema sempre caro della corruzione. Che siano troppi elementi narrativi è evidente, e la non riuscita mescolanza di tutti è proprio uno dei punti deboli de La legge della notte. Se alla prima, più stereotipata parte è preferibile la seconda, in cui il cambio di scenario con la rigogliosa Florida introduce una novità, si avverte comunque poca decisione nella scelta delle linee tematiche.

Lo stesso discorso vale per la caratterizzazione del protagonista, questa volta poco convinto (e poco convincente) per essere un uomo che ha a che fare con realtà così dure (come quella urbana di Boston e quella “sudista” di Tampa) e affari così pericolosi. Di conseguenza, appaiono come sciupati anche i coprotagonisti, a partire dalla carismatica Elle Fanning, giovane donna perduta e poi redenta, fino alla figura del padre di Joe o all’altro padre poliziotto Chris Copper. Emerge piacevolmente il personaggio di Sienna Miller, che dà carattere con la sua interpretazione.

Colpiscono i costumi di Jacqueline West e la fotografia di Robert Richardson, capace di aggiungere colore e dare la giusta tonalità alle scene, ma tutto ciò purtroppo non basta a rendere solida la struttura di questo film in cui sono le fondamenta a traballare. Ben Affleck ha in passato dato prova delle sue abilità di regista, che neanche qui smentisce nonostante il ritmo più piatto e meno incalzante, ma La legge della notte segna una piccola battuta d’arresto nella sua filmografia.

Informazioni aggiuntive

  • Titolo originale: Live by the Night
  • Regia: Ben Affleck
  • Anno di Uscita: 2017
  • Genere: Drammatico
  • Fotografia: Robert Richardson
  • Musiche: Harry Gregson-Williams
  • Cast: Ben Affleck, Chris Messina, Chris Copper, Elle Fanning, Zoe Saldana, Sienna Miller, Brendan Gleeson, Remo Girone
  • Sceneggiatura: Ben Affleck
Letto 113 volte Ultima modifica il Mercoledì, 08 Marzo 2017 13:56
Devi effettuare il login per inviare commenti

Editoriale Cinema

Prossimi Eventi

Aprile 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30