Giovedì 29 Giugno 2017
Mercoledì, 20 Luglio 2016 09:00

Trent'anni di Festival VolterraTeatro, paesaggio della "città ideale" dal 25 al 31 luglio

Scritto da 
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
Vota questo articolo
(0 Voti)

«La mia eresia è credere nelle potenzialità trasformatrici dell’uomo. Anche di quelli che sembrano perduti. Un giorno, anche molto lontano, l’uomo si libererà delle paure e dei lacci che lo legano. Io lavoro alimentando questa idea che viene da lontano e va molto oltre la nostra esistenza attuale». [A. Punzo]

 

Le parole di Armando Punzo sono una delle tante possibilità interpretative suggerite da un titolo chimerico come La città ideale, scelto come punto di riferimento della XXX edizione del Festival VolterraTeatro, come sempre curata da Carte Blanche, e stavolta con due importanti novità: una forza giovane nella startup, ossia il gruppo di studenti membri dell’Associazione culturale studentesca “VaiOltre!”, e la collaborazione con lo staff dell’Accademia dei Riuniti-Teatro Persio Flacco.

Il tema della “città ideale” è ispirato alla visione utopistica di una società modello, che prese vita nel 1516 dalla penna di Thomas More, dentro il suo romanzo Utopia. Allo stesso modo la città di Volterra, insieme ai Comuni limitrofi di Pomarance, Castelnuovo V.C. e Montecatini V.C. si offre come una “città ideale” dove gli abitanti sono cittadini attivi nella realizzazione del Festival, e dal 25 al 31 luglio sarà possibile vederli collaborare in nome della cultura.

Il progetto è un passo maturo di quella ricerca iniziata cinque anni fa dalla Compagnia della Fortezza – per chi non lo sapesse, nata nel 1988 da un progetto di Laboratorio Teatrale nella Casa di Reclusione di Volterra a cura di Carte Blanche e con la direzione di Armando Punzo – con Mercuzio non vuole morire: un vero e proprio laboratorio sull’essere umano e i suoli limiti, dove le idee e la creatività di persone generalmente estranee al mondo artistico sono state messe a frutto grazie alla guida di grandi maestri.

Anche quest’anno il festival di Volterra mira a un coinvolgimento totale della cittadinanza, attraverso la tensione verso una concreta integrazione fra cultura e popolazione; ormai da anni, il Festival di Volterra non esula dal suo contesto logistico, ma è parte dell’identità e della storia della città.

In particolare per la XXX edizione, saranno presenti due progetti collettivi pensati appositamente per la cittadinanza: Yoknapatawpha (“terra divisa”) è l'esito del lavoro che Archivio Zeta a Volterra e Gianluca Guidotti e Enrica Sangiovanni a Bologna hanno portato avanti durante i mesi invernali; il fine è creare una folla di ottanta persone di tutte le età che conduca il pubblico lungo un itinerario simbolico che dalla Fortezza Medicea porta al Teatro Persio Flacco, passando per il centro storico. Il progetto è un intreccio tra due opere diverse come Big Wood di Faulkner e Macbeth di Shakespeare, in cui si mescola l’idea del viaggio intorno al mondo con il simbolo della conquista sanguinaria del personaggio shakespeariano.

Il secondo progetto sarà presentato dai ragazzi di “VaiOltre!”, risultato del laboratorio diretto da Armando Punzo. Lo spettacolo, una creazione collettiva intitolata Vai Oltre! – Le città ideali, è «una ricerca appassionata tra biografie di uomini e donne straordinari per testimoniare, con musiche dal vivo e parole, con la lingua potente del teatro, che andare oltre è sempre possibile» (in scena al Teatro Persio Flacco il 29 luglio).

All’origine del Festival VolterraTeatro c’è ancora il potente lavoro di Armando Punzo con la Compagnia della Fortezza, che quest’anno presenterà un approfondimento sull’opera di Shakespeare, dal 24 al 29 luglio, dalle ore 15.00 alle 18.00: Dopo la Tempesta. L’opera segreta di Shakespeare (in anteprima nazionale); si tratta di un lavoro completo e accurato basato sull’esplorazione di tutto il monumentale lavoro del drammaturgo inglese, onorato nell’anno di ricorrenza dei quattrocento anni dalla sua morte. Tuttavia, la Compagnia della Fortezza aveva già raccolto una notevole quantità di materiale su Shakespeare a partire dal 2000, con Macbeth e, in seguito, Amleto (fantasiosamente contratto in crasi con la “Alice” di Carroll) con Hamlice - Saggio sulla fine della civiltà; e poi nel 2012 con Mercuzio non vuole morire, fino allo spettacolo prodotto l’anno scorso, Shakespeare. Know Well.

Dopo la tempesta. L’opera segreta di Shakespeare sarà, in questa occasione, uno spazio di riflessione sul significato filosofico e sul valore sociale che gli scritti di Shakespeare hanno trasmesso al mondo occidentale, una visione alternativa dello Shakespeare conosciuto, trasmessa da chi ha sapientemente provato per anni a sgretolare la forma classica dei suoi testi, per estrapolare significati nascosti, ritmi nuovi, tempi e spazi stravolti. Lo spettacolo verrà poi riproposto sempre in anteprima nazionale, il 30 luglio al Teatro Florentia, nel suggestivo villaggio di Larderello

Questa edizione si prospetta come un viaggio avvolgente attraverso le sue pluri-sensoriali manifestazioni, uno sconfinamento di visioni e di forme, dalla musica, al patrimonio storico artistico, ai convegni, alla letteratura – e poi le mostre, le installazioni, e non ultimo, naturalmente, il teatro. E poi, tutte le sere, fino a tarda notte, ancora musica ed eventi a sorpresa con Utopia Night Fest

Fra le performance più attese del fittissimo palinsesto, il nuovo lavoro di Roberto Latini presentato in forma di studio al Festival di Santarcangelo: Amleto + Die Fortinbrasmaschine, riscrittura dell’Hamletmachine di Heiner Müller, che sarà al Teatro Persio Falcco il 28 luglio

Un progetto direttamente connesso con il patrimonio naturale della città etrusca, ossia il sito delle Saline, sarà quello degli Omini, Progetto T - Ci scusiamo per il disagio, in cui la compagnia attualmente residente a Pistoia attraverso interviste somministrate agli abitanti va alla scoperta di abitudini e storie del territorio, dando vita a un altro viaggio itinerante, in linea con il tema affrontato quest’anno dal Festival sulle città ideali (alle Stazione Ferroviaria di Saline di Volterra, 28 luglio).

Ma il teatro svela anche il suo volto autentico, il suo lato antropologico che lo vede impegnato nella valorizzazione delle differenze (a tal proposito rimandiamo all'efficace sintesi di Francesca Ferrari su "Teatropoli.it" sul recente convegno che ha visto partecipi a Parma critici e studiosi sul tema della costruzione di una nuova lingua scenica per mezzo di attori portatori di disagio psichico), che proprio con Teatro della Differenza, un coordinamento di gruppi teatrali e di registi che operano nella salute mentale nell’area fiorentina, trova una sua consolidata pratica di espressione. Per la XXX edizione del Festival, quindi, Alessandro Fantechi e Elena Turchi curano un laboratorio sulla poesia che accompagna quindici attori autori, utenti del Servizio di Salute Mentale di Firenze, nei meandri di una "ricerca sul nulla" che rappresenta le nostre paure me che è anche fonte di tutte le nostre potenzialità inespresse (Antologia del Nulla, 25 luglio ore 17.30, Teatro Persio Flacco). 

Altro importante appuntamento, quello con Massimiliano Civica al Teatro Persio Flacco, dal 26 al 28 luglio, in prima nazionale, dove il regista presenterà I concittadini ideali: racconti di storie, aneddoti, pensieri ed episodi della vita di alcuni protagonisti del mondo del teatro, del cinema e dei movimenti religiosi che hanno saputo porsi contro le istituzioni, indipendentemente dalle conseguenze inevitabili.

Per celebrare la storia del Festival VolterraTeatro, una storia oggi lunga trent'anni, sono stati organizzati eventi connessi agli allestimenti passati: il 29 luglio, alla Fortezza Medicea ci sarà una tavola rotonda storica intitolata La Compagnia della Fortezza in Europa: utopia, politica e legislazione, che aprirà una parentesi sugli avvenimenti contemporanei europei e sui problemi legislativi nel panorama teatrale continentale.

Da menzionare, inoltre, la notevole mostra/installazioe allo spazio espositivo delle logge di Palazzo Pretorio in Piazza dei Priori, dove il fotografo Stefano Vaja ha selezionato e raccolto gli scatti più significativi raffiguranti i trent’anni di lavoro della Compagnia della Fortezza. Il progetto, Trent’anni di VolterraTeatro, è curato in collaborazione con Carte Blanche e sarà accessibile dal 25 al 30 luglio.

Cos'altro dire? 

Per altre e necessarie informazioni, rimandiamo al sito web di VolterraTeatro, ai contatti utili, oltre che segnalarvi, di seguito, il programma.

Noi, qui, non ci resta che preparare il nostro spirito a questo viaggio, spingendoci occhi e mente verso Volterra, città ideale.

 

Carte Blanche – Centro Nazionale Teatro e Carcere di VolterraTel. 0588.80392 - email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Web e social www.volterrateatro.it /  www.compagniadellafortezza.org  www.facebook.com/volterrateatro/ www.facebook.com/compagniadellafortezza @VolterraTeatro @compfortezza

 

Programma

SPETTACOLI, CREAZIONI COLLETTIVE, POESIA, CONCERTI, HAPPENINGS MUSICALI

COMPAGNIA DELLA FORTEZZA

DOPO LA TEMPESTA. L’OPERA SEGRETA DI SHAKESPEARE | creazione originale per VT | anteprima nazionale

regia e drammaturgia di Armando Punzo

FORTEZZA MEDICEA, VOLTERRA

dal 25 al 29 luglio ore 15.00

TEATRO FLORENTIA, LARDERELLO

30 luglio ore 21.00

 

TEATRO COME DIFFERENZA

ANTOLOGIA DEL NULLA

dramma inconsistenteun progetto di Alessandro Fantechi e Elena Turchi

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA

 

25 luglio 2016 ore 17.30

 

GINETTA MARIA FINO/GIUSEPPE MAINIERI

NON MI RICORDO

regia di Corrado Nuzzo, Maria Di Biase

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA

25 luglio 2016 ore 18.30

 

ADRIANA FOLLIERI/MANOVALANZA

DE BELLO CIVILI. UN’AZIONE COLLETTIVA  | creazione originale per VT

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA

25 luglio 2016 ore 19.30

 

TEATRO DELLE ARIETTE

EVENTO TEATRALE COLLETTIVO Tutto quello che so del grano

ideato e condotto dal Teatro delle Ariette

25 luglio TEATRO DEI CORAGGIOSI, POMARANCE ore 16.00/19.00

26 luglio TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA ore 16.00/19.00

 

TEATRO DELLE ARIETTE

TUTTO QUELLO CHE SO DEL GRANO secondo studio

di Paola Berselli e Stefano Pasquini

25 luglio TEATRO DEI CORAGGIOSI, POMARANCE ore 21.30

26 luglio TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA ore 21.30

27 luglio GRANAIO DI CASTELLO GINORI DI QUERCETO, MONTECATINI V.C. ore 21.30

28 luglio CENTRO LA PISTA, CASTELNUOVO V.C. ore 21.30

 

ULTIMA FRONTIERA

ARTE (RI)COSTITUENTE | creazione originale per VT

a cura dell’Associazione Ultima Frontiera

RAMPA FORTEZZA MEDICEA / VIE DEL CENTRO STORICO / TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA

27 luglio 2016 ore 18.00

raduno esterno Fortezza Medicea

 

MASSIMILIANO CIVICA

I CONCITTADINI IDEALI | creazione originale per VT

Da Robert Mitchum ad Aldo Capitini

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA

26 luglio 2016 ore 18.30

27 luglio 2016 ore 20.00

28 luglio 2016 ore 17.00

 

GRAZIANO GRAZIANI/VAIOLTRE!

I PRINCIPI FONDAMENTALI. UNA COSTITUZIONE IDEALE | creazione originale per VT

ideazione Graziano Graziani con gli studenti dell’Associazione Culturale VaiOltre!

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA

27 luglio 2016 ore 19.00

 

Andrea Salvadori

Il figlio della tempesta. Musiche dalla fortezza | prima nazionale 

concerto/installazione di e con Andrea Salvadori

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA

27 luglio 2016 ore 22.00

 

MARZIO DEL TESTA

DRUMS FOR UTOPIA. GRAN CONCERTO POPOLARE DI TAMBURI E PERCUSSIONI

happening musicale per VolterraTeatro

ideazione e conduzione dell’evento Marzio Del Testa

in collaborazione con Quartiere Tamburi

PIAZZA DEI PRIORI, VOLTERRA

28 luglio 2016 ore 19.30

raduno dei musicisti con strumenti percussivi ore 17.00

 

FORTEBRACCIO TEATRO/ROBERTO LATINI

AMLETO + DIE FORTINBRASMASCHINE

di e con Roberto Latini

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA

28 luglio 2016 ore 18.00

 

GLI OMINI

CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO – PROGETTO T | allestimento site specific

di e con Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Giulia Zacchini e Luca Zacchini

STAZIONE FERROVIARIA DI SALINE DI VOLTERRA 

28 luglio 2016 ore 21.30

 

ARCHIVIO ZETA

YOKNAPATAWPHA, TERRA DIVISA

dittico da Shakespeare/Faulkner

regia e drammaturgia di Gianluca Guidotti e Enrica Sangiovanni

con i cittadini-attori del Gruppo Logos di Volterra e del Laboratorio di Bologna

YOKNAPATAWPHA#1 Sound and Fury

YOKNAPATAWPHA#2 Big Woods | creazione originale per VT | prima nazionale

RAMPA DELLA FORTEZZA MEDICEA / VIE DEL CENTRO STORICO / TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA

29 luglio 2016 dalle ore 18.00

spettacolo itinerante

raduno esterno Fortezza Medicea ore 17.00

 

ARMANDO PUNZO/VAI OLTRE!

VAI OLTRE. LE CITTÀ IDEALI

creazione collettiva

con i giovani dell’Associazione Culturale VaiOltre!

conduzione di Armando Punzo

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA

29 luglio 2016 ore 22.00

 

INCONTRI, PRESENTAZIONI DI LIBRI, TAVOLE ROTONDE, CONVEGNI

 

Nadia Giannoni

NESSUNO HA Il DIRITTO DI CHIAMARSI AMORE | incontri nella Fortezza

FORTEZZA MEDICEA, VOLTERRA – 25 luglio 2016 ore 17.00

 

CRISTINA VALENTI/ARMANDO PUNZO

GERUSALEMME LIBERATA IN CARCERE, DOSSIER 2014-2015 | incontri nella Fortezza

FORTEZZA MEDICEA, VOLTERRA- 26 luglio 2016 ore 17.00

 

ROSANNA MASSARENTI

IL GIOVEDÌ DI AUGUSTO | aperitivo con l’autore

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA – 26 luglio ore 19.30

 

MARIO PERNIOLA/MARINO SINIBALDI/GIORGIO ZANCHINI

L’UTOPIA DELLA COMUNICAZIONE | incontri nella Fortezza

FORTEZZA MEDICEA, VOLTERRA - 27 luglio 2016 ore 17.00

 

ROSSELLA MENNA/ARMANDO PUNZO

LA CITTÀ IDEALE | aperitivo con l’autore #1

GRAZIANO GRAZIANI

L’ATLANTE DELLE MICRONAZIONI | aperitivo con l’autore #2

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA – 27 luglio 2016 ore 20.00

 

PROGETTO EUROPEO PAS-DE-DEUX

CULTURE DURABLE | incontri europei | aperitivo

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA – 28 luglio 2016 ore 12.00

 

FABIO FRANCIONE

GIOVANNI TESTORI. LO SCANDALO DEL CUORE| aperitivo con l’autore

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA -  28 luglio 2016 ore 19.00

 

ARCHIVIO ZETA

INCOMPIUTO | aperitivo con l’autore

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA -  29 luglio 2016 ore 21.00

 

GENNARO MIGLIORE/MAURO PALMA/FRANCO CORLEONE/ARMANDO PUNZO

LA COMPAGNIA DELLA FORTEZZA IN EUROPA: UTOPIA, POLITICA E LEGISLAZIONE | incontri nella Fortezza

FORTEZZA MEDICEA, VOLTERRA- 29 luglio 2016 ore 17.00

 

MOSTRE E INSTALLAZIONI

 

30 ANNI DI VOLTERRATEATRO

mostra/installazione a cura di Carte Blanche

I TEATRI DELL’IMPOSSIBILE

mostra fotografica di Stefano Vaja

LUZ UTOPIA

installazione di cristallo e luce a cura dei maestri soffiatori di Collevilca

LOGGE DI PALAZZO PRETORIO, VOLTERRA – dal 25/31 luglio

 

RIFLESSI DI MONDI POSSIBILI

installazione multimediale a cura di Manola Del Testa e ALP Animation Lights Project

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA – 25/31 luglio

 

ARTE (RI)COSTITUENTE

esposizione di opere grafiche e pittoriche sulla Costituzione Italiana a cura di Ultima Frontiera

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA – 25/31 luglio

 

VEDO ANCORA LA BELLEZZA DEGLI ALBERI NELLE CASSETTE

mostra dei libri d’artista di Ginetta Maria Fino

TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA – 25/31 luglio

 

LABORATORI

CARNIVAL OF LIGHT master/laboratorio ritmico di percussioni d’insiemecondotto da Marzio Del Testain collaborazione con Quartiere Tamburi25/28 luglio – TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA

VEDO ANCORA LA BELLEZZA DEGLI ALBERI NELLE CASSETTE laboratorio creativo per bambini e adultia cura di Ginetta Maria Fino26/28 luglio- TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA

PAINT YOUR MUSIC atelier musicale/artistico a cura di Rocco Bertini, Martin Boschetti, Lucio Passeroni, Cosimo Persio Simoncini / VaiOltre! 29/30 luglio – TEATRO PERSIO FLACCO, VOLTERRA 

UTOPIA NIGHT FEST  Tutte le sere al Teatro Persio Flacco, fino a tarda notte, incontri con gli artisti, VaiOltre! Music Live, Orsetto Vegan Dj set, ballo e interventi a sorpresa. Sempre aperto l’Utopia Bistrot. 

Il 28 luglio l’Utopia Night Fest si trasferisce presso l’Area Giasc di Saline 

Il 30 luglio l’Utopia Night Fest si traferisce al Circolo Ricreativo del Teatro Florentia di Larderello con ballo vintage, musica e cibo fino a tarda notte

TUTTI I GIORNI, DALLA MATTINA ALLA SERA, NEL TEATRO PERSIO FLACCO SARANNO SEMPRE ATTIVI  IL  CENTRO ACCOGLIENZA PUBBLICO E INFORMAZIONI, IL TEMPORARY BOOKSHOP E L’UTOPIA BISTROT. TUTTE LE SERE, FINO A TARDA NOTTE, MUSICA E EVENTI A SORPRESA.

DESIDERI PER UNA CITTÀ IDEALE | una call di Armando Punzo“Nella città ideale deve accadere qualcosa di assurdo, di incontrollabile, di inaspettato, di estatico, di estremamente rischioso, di improvviso inevitabile abbandono di sé, di irrefrenabile puro desiderio, di totale annullamento, di sconvolgente apertura, di momentanea folgorante libertà assoluta. Saresti disposto a dirmi i tuoi desideri?” Tutti i giorni al Teatro Persio Flacco vengono raccolti desideri riposti in biglietti segreti; un punto di partenza per un progetto futuro di Armando Punzo.VIA DALLA PAZZA FOLLA  | temporary bookshopGrazie alla preziosa collaborazione con la Libreria L’Araldo di Volterra, quest’anno il bookshop tematico si trasferisce direttamente nel cuore della Città Ideale. Un angolo del Teatro Persio Flacco si trasforma in un luogo sospeso e sorprendente in cui incontrare gli artisti ospiti e rifugiarsi in ogni momento tra libri e oggetti vintage, per scomporre e ritrovare la drammaturgia del festival tramite una selezione speciale di volumi che, da Shakespeare a Thomas More, attraversa tutti gli eventi di VolterraTeatro.

VT BANNER BAGS | progetto creativo di riciclo culturaleDal riciclo creativo dei banner storici del festival, firmati ogni anno da grandi artisti ideatori di immagini indimenticabili, nasce una linea di borse esclusive, pezzi unici realizzati a mano, per regalare il privilegio di indossare frammenti di storia teatrale, sostenendo un progetto culturale. Realizzazione delle bags a cura di Valentina Cioni.

CUORE SACRO | serigrafia su T-shirtMaglie d’autore di Carlo Gattai e Enrico Pantani

UTOPIA BISTROT | food and drinksTutti i giorni dalla mattina alla sera, presso il Teatro Persio Flacco, sarà attivo un bistrot con servizio continuativo di bar, aperitivi e apericena, un  luogo di ritrovo unico e suggestivo,  dove trascorrere le pause tra uno settacolo e l’altro e durante gli incontri con gli autori, per il pubblico del festival e per tutta la città.  A cura di Pub Quo Vadis.

 

 

Letto 520 volte Ultima modifica il Sabato, 13 Agosto 2016 18:01
Devi effettuare il login per inviare commenti

Editoriale Arti Performative

  • Salerno, l’Italia che Mutaverso anche grazie al teatro
    Scritto da
    Salerno, l’Italia che Mutaverso anche grazie al teatro C'è un'Italia che prova a cambiare volto, a rovesciare stereotipi. Un'Italia vigile e attenta. Sveglia e recettiva. Questa Italia "positiva" risiede nell’agire di un operatore teatrale originario di una città relativamente piccola come Salerno, un luogo che ha subito negli ultimi anni una trasformazione non indifferente assumendo le sembianze di…
    Scritto Sabato, 24 Dicembre 2016 12:06 in Editoriali "Arti Performative"

Prossimi Eventi

Giugno 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30